Home NOTIZIE CRONACA Roma, salva una ragazza da uno stupro e racconta: “Aveva il...

Roma, salva una ragazza da uno stupro e racconta: “Aveva il terrore negli occhi”

EMERGENZA CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 COVID 19 NUOVO FOCOLAIO ISOLATA LA CASA DI CURA CLINICA LATINA POLIZIA POLIZIOTTO POLIZIOTTI AMBULANZA

Si chiama Alessio il ragazzo che a San Lorenzo, la notte tra sabato e domenica, ha salvato una ragazza da uno stupro. La giovane, 22enne studentessa fuorisede, era stata aggredita da un uomo con un cacciavite in mano ed è riuscita a salvarsi solo grazie all’intervento del 38enne che, in un’intervista a Repubblica, ha raccontato quello che è successo.

“Camminavo in via dei Sardi per andare a prendere il tram allo Scalo di San Lorenzo. A un certo punto mi è venuta incontro l’amica di Alessandra, mi ha detto: “Ti prego, aiutami, non te ne andare. La mia amica è in pericolo”, ha detto a Repubblica Alessio, cuoco di 38 anni, militante dell’Atletico San Lorenzo.

Quando ha visto la ragazza in pericolo non ha esitato: “Mi sono avvicinato e ho visto nel buio un ragazzo con il braccio intorno al collo di Alessandra. Ho chiesto loro se si conoscevano. Lui mi ha detto: “Si, non ti preoccupare, è la mia ragazza”. Gli ho risposto: “Stai zitto, voglio saperlo da lei”. A quel punto Alessandra, che era rimasta muta, ha preso coraggio. Mi ha ripetuto “Ti prego aiutami”.

Poi è partito lo scontro: “Gli ho tolto il braccio dalle spalle di Alessandra, l’ho allontanata e poi ho sbattuto quel tipo contro il muro. Abbiamo avuto una colluttazione che è durata alcuni minuti, a un certo punto mi sono sentito come spingere, invece era lui che mi stava colpendo con un cacciavite. Mi ha preso al braccio, alla pancia e sul petto, vicino al cuore”.