Home NOTIZIE La tomba di Alfredino Rampi sarà restaurata dal Comune di Roma

La tomba di Alfredino Rampi sarà restaurata dal Comune di Roma

Dopo le svastiche e gli insulti incisi sulla lapide di Alfredino Rampi, il bimbo di sei anni che morì cadendo in un pozzo a Vermicino il 13 giugno 1981, il Comune di Roma restaurerà la tomba. Lo ha rivelato l’Ansa, secondo cui il Campidoglio starebbe già provvedendo a ripulire e restaurare la lapide vandalizzata pochi giorni fa.

Sarebbe stato l’assessorato all’ambiente del Comune di Roma, ieri sera, a contattare la famiglia Rampi per avere l’autorizzazione a togliere la lapide e procedere al restauro. La tomba del piccolo Alfredino si trova al cimitero Verano, a Roma. Al Messaggero il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha annunciato che se non fosse possibile restaurare la lapide, “il Campidoglio sosterrà il costo della sostituzione”.

I fatti risalgono a domenica, quando la mamma di Alfredino, Franca Rampi, si era recata al Verano per portare un fiore ai suoi due figli: Alfredo, appunto, e Riccardo, scomparso nel 2015. A quel punto si è accorta che la lapide era stata vandalizzata con undici svastiche e insulti incisi con lo spray. Immediata la denuncia ai carabinieri, che ora lavorano per risalire agli autori del gesto.

Già nella giornata di ieri Ama ha provveduto a effettuare un primo intervento sulla lapide di Alfredino”, ha detto in una nota Sabrina Alfonsi, assessore all’ambiente: “Stamattina presto è stata rimossa la stessa lapide da un marmista per ultimarne il ripristino. Quanto accaduto ha scosso le nostre coscienze e insultato in modo imperdonabile una parte importante della nostra memoria collettiva. Era un nostro dovere istituzionale e morale intervenire immediatamente per porre rimedio a questa ignobile profanazione”, ha concluso.