Home NOTIZIE CRONACA Roma, inaugurata la casa delle tecnologie emergenti

Roma, inaugurata la casa delle tecnologie emergenti

ROBERTO GUALTIERI SINDACO DI ROMA

Rendere Roma una ‘smart city’. Efficiente, veloce, tecnologica. È uno degli obiettivi proclamati dal sindaco di Roma Roberto Gualtieri. E va in questa direzione l’inaugurazione di oggi, alla stazione Tiburtina, della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma, uno spazio polifunzionale dove sarà possibile sperimentare nuove soluzioni innovative e tecnologiche per la città.

Oltre al sindaco Gualtieri, all’inaugurazione, erano presenti la sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) Anna Ascani, l’assessora alle Attività Produttive di Roma Capitale Monica Lucarelli e l’assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Startup e Innovazione della Regione Lazio, Paolo Orneli.

Quest’ultimo ha presentato così il progetto: “La Regione Lazio negli ultimi anni ha investito 100 milioni di euro su un programma per l’innovazione e le startup che ha raggiunto risultati consistenti e ha contribuito in maniera decisiva alla crescita di un ecosistema che oggi pone Roma tra le destinazioni di interesse in Europa per gli innovatori di talento”.

Ha poi sottolineato: “Ora ci sono le condizioni perché la collaborazione tra istituzioni sia sempre più stretta ed efficace, agendo come moltiplicatore d’impatto dei nostri interventi. C’è una visione strategica comune tra Governo con il Pnrr, Regione con la nuova programmazione europea e Roma Capitale per mettere l’innovazione al centro di un nuovo modello di sviluppo sostenibile e inclusivo. In questo senso la CTE che si apre a Roma in un luogo di incontro naturale, è un altro tassello fondamentale che si aggiunge al nostro ecosistema di sostegno alle startup per rafforzare il quale, con la nuova programmazione dei fondi europei, metteremo a disposizione almeno altri 120 milioni di euro, grazie ai quali accompagneremo le idee di talento nel loro percorso verso il mercato”, ha concluso Orneli.