Home NOTIZIE ATTUALITÀ Viterbo, via a progetto di prevenzione abusi su anziani nelle RSA

Viterbo, via a progetto di prevenzione abusi su anziani nelle RSA

OSPEDALE FLORENZO JAJA PRESENTAZIONE PROGETTO DI SCREENING CONTROL ALT CANC MEDICO DOTTORE STETOSCOPIO

Parte da Viterbo un progetto regionale per la “umanizzazione delle cure e dell’assistenza agli anziani” nelle case di risposo o RSA. Un percorso che nasce nell’ambito della campagna contro la violenza promossa dalla Asl, con l’obiettivo di prevenire abusi fisici e psicologici riaffermando la centralità del rispetto e della tutela delle persone in condizioni di fragilità.

Quattro le aree d’azione:  la formazione del personale, la continuità assistenziale, i controlli da parte dei vertici delle case di riposo e del sistema sanitario pubblico e la qualità delle strutture residenziali, dove spesso mancano requisiti minimi di comfort e riservatezza.

Ne hanno discusso i rappresentanti della sanità pubblica e privata e enti e istituzioni locali in vista di un protocollo da presentare il 15 giugno, giornata mondiale, appunto, contro gli abusi sugli anziani.

Rimodulare l’intero sistema delle rsa e case di riposo, regolamentare le strutture affidate ai Comuni, l’inclusione dell’anziano nel tessuto sociale attraverso laboratori e attività ricreative e ancora la formazione del personale e il miglioramento delle retribuzioni per frenare l’abuso del ricambio degli operatori a danno della linearità assistenziale e del rapporto affettivo con il paziente.

Queste alcune delle linee guida di un iter da svolgere il team, tra rigidi controlli, sostegno, competenza e lotta alle sopraffazioni e all’incuria su soggetti in vulnerabilità.