Home NOTIZIE ATTUALITÀ Roma si candida per Expo2030, Gualtieri: “Non vediamo l’ora di accogliervi”

Roma si candida per Expo2030, Gualtieri: “Non vediamo l’ora di accogliervi”

Roberto Gualtieri, the center-left candidate for Mayor of Rome, reacts while waiting for the outcome of the municipal election, in Rome, Italy, 04 October 2021. Rome, Milan, Naples, Turin and Bologna held municipal elections to elect new mayors and city councils on 03 and 04 October. Roma, 4 Ottobre 2021. ANSA/GIUSEPPE LAMI

“My name is Roma”, questo lo slogan con il quale la Capitale è stata ufficialmente presentata come candidata per l’Expo2030. Oggi alle 14 infatti, il sindaco Gualtieri ha presentato la candidatura di Roma a Dubai, accompagnato dagli assessori al commercio Monica Lucarelli e quello al turismo e grandi eventi Alessandro Onorato. Il progetto, affidato all’archistar Carlo Ratti, già artefice del padiglione italiano nella città degli Emirati, prevede Tor Vergata come sito che ospiterà il grande evento. Alla presentazione avrebbero dovuto presenziare anche il Ministro degli Esterni Luigi Di Maio e il Ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini, assenti però a causa della guerra in Ucraina. I due tuttavia si sono collegati da remoto, con il responsabile della Farnesina che ha speso parole per Roma, descrivendola come una città dove “passato e futuro sono fortemente interconnessi”.

Altra grande assente alla presentazione è stata l’ex sindaca Virginia Raggi, presidente proprio della commissione speciale Expo 2030. Non sono mancate le polemiche per questo, con il consigliere pentastellato Paolo Ferrara che ha giustificato il tutto per via del ritardo della nomina a presidente. “Cultura, natura e innovazione si fondono in una rigenerazione che accompagna le persone verso una nuova era”, questi sono alcuni dei motivi spiegati dal sindaco Gualtieri nel video di lancio della candidatura per Roma. “Il nostro progetto per Roma Expo 2030 – ha detto il sindaco – indicherà un modo nuovo di promuovere la convivenza urbana. Roma è il posto giusto per discutere questi temi, perché cultura, natura e innovazione sono parte della nostra identità”.