Home ULTIME NOTIZIE Corviale, il Calciosociale si allarga: sorge un nuovo ‘Campo dei miracoli’

Corviale, il Calciosociale si allarga: sorge un nuovo ‘Campo dei miracoli’

Sotto i mille occhi del Serpentone, il gigante di cemento che si snoda a Corviale, periferia ovest di Roma, c’è stato un altro miracolo. Così lo chiamano da quelle parti il campo di calcio a undici inaugurato sabato alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Lì, dove una volta a dominare era solo il degrado, un’oasi felice si allarga anno dopo anno.

Una goccia di verde in un mare di grigio: sotto i palazzoni di Corviale, il CalcioSociale da 17 anni offre un’altra possibilità ai ragazzi del quartiere. Un luogo di crescita dove tutti possono sentirsi a casa. Si gioca a calcio, ma si impara anche a vivere insieme. Lo dimostrano le parole commosse dei ragazzi che all’inaugurazione del nuovo campo dei miracoli hanno raccontato la loro esperienza.

Catherine ha conosciuto per la prima volta il CalcioSociale quando aveva 12 anni, ora ne ha 24 e fa parte dello staff di educatori che aiutano i più giovani. Daniel di anni ne ha 15, e da quando è bambino scorrazza sui 3 campi da calcio del CalcioSociale. Quasi si commuove a parlare davanti al presidente Mattarella, seduto in prima fila insieme al sindaco di Roma Gualtieri e al presidente della Regione Lazio Zingaretti.

Proprio il Capo di Stato ha dato il calcio d’inizio alla partita che ha visto coinvolti i ragazzi del CalcioSociale. Poco prima, dal palco montato nella sala centrale della struttura, Mattarella aveva parlato di luogo da prendere da esempio anche per i rapporti tra le nazioni: “Questo luogo esprime speranza, fiducia e una concreta possibilità di crescita sociale. Oggi non stiamo solo inaugurando un calcio da calcio, ma una nuova prospettiva di vita e crescita, che in gran parte è già realizzata”.