Home NOTIZIE ATTUALITÀ Roma, sanità, la fuga dei medici: in pensione nel prossimo anno in...

Roma, sanità, la fuga dei medici: in pensione nel prossimo anno in 4500

OSPEDALE FLORENZO JAJA PRESENTAZIONE PROGETTO DI SCREENING CONTROL ALT CANC MEDICO DOTTORE STETOSCOPIO

C’è in atto una sorta di grande fuga da ospedali e poliambulatori: protagonisti sono i medici specialisti, che dopo due anni di pressioni al limite del sopportabile stanno scegliendo, in massa, di anticipare la loro fuoriuscita dal mondo del lavoro. L’allarme, a più riprese lanciato dal presidente dell’Ordine dei medici di Roma Antonio Magi, parla di circa 4500 professionisti romani pronti ad andare in pensione nel prossimo anno, invece che nel 2026. Nulla che non sia legittimo e, francamente, comprensibile dopo l’imponderabile pandemia. Tuttavia una tale diaspora di camici bianchi rischia di bloccare il sistema sanitario, che sembra di fronte ad una carenza di personale in tendenza crescente. La situazione è particolarmente chiara, ad esempio, nel caso dei medici di famiglia: tralasciando chi va in pensione, nella fascia l’età media è intorno ai 60 anni, segnale che il problema del ricambio non si riduce al solo breve termine. L’Ordine dei medici ha suggerito, a tal proposito, l’impiego dei medici in formazione per non lasciare scoperto il territorio, ma l’investimento necessario sarà quello sul piano delle assunzioni. Perché se si spera nel Pnrr per l’aggiornamento di strutture e macchinari, quello che sicuramente mancherà alla sanità laziale sarà il personale.