Home NOTIZIE ATTUALITÀ Roma, sanità nel caos: mancano medici in ospedali e Asl, i pazienti...

Roma, sanità nel caos: mancano medici in ospedali e Asl, i pazienti in standby

OSPEDALE FLORENZO JAJA PRESENTAZIONE PROGETTO DI SCREENING CONTROL ALT CANC MEDICO DOTTORE STETOSCOPIO

I medici scarseggiano, si ammalano e quando sono in salute fanno turni massacranti. Chi va in pensione non viene rimpiazzato e tanti pazienti vengono messi in stand by. E’ questa la situazione degli ambulatori romani, a dir poco preoccupante dopo due anni di emergenza Covid che pesano come macigni. A farne una cruda fotografia è Antonio Magi, presidente dell’ordine dei medici della Capitale. Che i reparti siano pieni e l’attività ambulatoriale sia bloccata pressoché ovunque è abbastanza evidente, ma per l’Ordine il problema è a monte. Negli anni, ha spiegato Magi, la presenza di specialisti nelle Asl è andata a ridursi, per ragioni economiche o di altra natura. Ecco perché tanti pazienti, che potrebbero essere gestiti territorialmente, devono invece essere ricoverate con i problemi ben noti a tutti dopo lo scoppio della pandemia. Alla mancata sostituzione dei medici andati in pensione Magi risponde che si potrebbero aumentare le ore di lavoro degli specialisti nei poliambulatori, considerando che in media oggi lavorano 20 ore settimanali. Ma anche negli ospedali servirà potenziare organici e posti letto: perché se un giorno, si spera, l’emergenza Covid finirà, ad ogni evento eccezionale nella Capitale, e il Giubileo è uno di questi, il sistema rischierà il collasso.