Home RUBRICHE OROSCOPO Roma, 1600 case popolari a inquilini deceduti da anni: nessuno paga affitto...

Roma, 1600 case popolari a inquilini deceduti da anni: nessuno paga affitto e bollette

Mille e seicento case dei fantasmi a Roma. Non si tratta di un set cinematografico ma di una realtà amara, l’ultima in ordine di tempo emersa dal fronte del patrimonio immobiliare della Capitale. Sono per l’esattezza 1646 le abitazioni per le quali la giunta Gualtieri ha riscontrato l’attribuzione ad inquilini deceduti, in alcuni casi da oltre vent’anni. Peccato però, che ad occuparli siano parenti che risultano, a loro volta, dei fantasmi dal punto di vista economico, perché nessuno per questi appartamenti paga affitto o bollette. In regola risulta essere soltanto il 12% di chi abita nelle case popolari assegnate agli inquilini che non ci sono più: e per molti, l’atto di pagare significava la speranza che il Campidoglio potesse chiudere un occhio sulla situazione non ortodossa. Di legge, infatti, le case popolari non vengono semplicemente ereditate. Al decesso dell’assegnatario deve seguire una voltura, e l’amministrazione deve verificare se il nuovo inquilino sia in possesso o meno dei requisiti. Sul piano economico, si stimano perdite di centinaia di migliaia di euro: circa 700 inquilini lasceranno a breve le case occupate, mentre la giunta correrà ai ripari per gli altri 900.