Home NOTIZIE ATTUALITÀ Viterbo e Rieti tra i comuni governati peggio in tutt’Italia.

Viterbo e Rieti tra i comuni governati peggio in tutt’Italia.

Viterbo e Rieti tra i comuni governati peggio in tutt’Italia. E’ quanto emerge da un’indagine della Fondazione Etica che valuta annualmente le prestazioni della pubblica amministrazione. Stando ai  risultati dell’ultimo rapporto, Viterbo si piazza al 102° posto su 109 capoluoghi italiani; nel Lazio solo Rieti fa peggio, al terz’ultimo posto.

Per assegnare i voti la Fondazione etica tiene in considerazione sei parametri: bilancio, governance, personale, servizi, appalti e ambiente, valutando in base ai dati che i comuni sono obbligati a pubblicare nella sezione trasparenza dei propri siti.Più della metà dei capoluoghi di provincia italiani è sotto la sufficienza, Viterbo ottiene appena 31 punti, sette in più di Rieti, fanalino di coda Agrigento con solo 14 punti.

Tra i virtuosi, Cuneo, Trieste, Venezia, L’Aquila. Tra le metropoli spicca il dato di Milano,13°, Roma, malgrado tutto, strappa la sufficienza ed è nel gruppo dei migliori.
Fondazione Etica valuta anche il livello di digitalizzazione e Viterbo, anche qui, ne esce malissimo. Dal nel rapporto, infatti, non è stato individuato “alcun rendiconto con in chiaro la spesa per l’informatica”.

“In generale, – si legge nel rapporto della Fondazione – si registra una vera e propria divaricazione tra Comuni: l’attenzione all’accountability è massima per alcuni, praticamente ignorata da altri. Tra i primi, si distinguono per chiarezza e completezza della rendicontazione Cuneo, Trieste, Venezia, L’Aquila. Trieste, in particolare, dettaglia i singoli obiettivi raggiunti e li sintetizza in tabelle e grafici. Tra i secondi, quelli che non pubblicano alcun documento di rendicontazione dal 2016-17, rientrano Andria, Agrigento, Caltanissetta, Caserta, Catania, Vercelli, Vibo Valentia”. Tra i comuni meglio amministrati, la maggior parte sono del Settentrione, ma l’equazione nord uguale efficienza non è sempre vera, come dimostra il caso di Terni, al 15° posto con 62 punti. Tra le metropoli spicca il dato di Milano, tredicesima con 64 punti, mentre Roma, nonostante tutto, agguanta la sufficienza (50 punti) e chiude il gruppo dei migliori.