Home NOTIZIE ATTUALITÀ “Buone Nuove” per Pomezia e Torvaianica: è giunta l’ora che si progetta...

“Buone Nuove” per Pomezia e Torvaianica: è giunta l’ora che si progetta il futuro

Era un modo di dire ricorrente “buone nuove” nelle opere di Niccolò Machiavelli (“Il Principe” e i “I Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio” fanno di lui il primo scrittore politico dell’età moderna a livello europeo) e tutta la sua vita è stata dedicata al tentativo di realizzare una comunità politica italiana.Dopo il periodo di fermo dovuto al lockdown vedere in cantiere tante politiche destinate alle strutture portanti del territorio – servizi – turismo – formazione – decoro urbano, educazione civica e ambientale, la cultura e le politiche giovanili come la valorizzazione del patrimonio culturale genera un rinnovato interesse e fiducia nell’avvenire. Pomezia è stata tra le ultime Città Nuove, fondata nel periodo tra le due guerre nel Regno d’Italia. Le più note sono quelle dell’agro pontino, sebbene molte altre si trovano in diverse regioni italiane. Tracce storiche, fasi di transizione e le Città Nuove spuntavano sul territorio allora attraverso le opere di bonifiche e l’eradicazione della malaria, il recupero di territori all’abbandono, i latifondi messi a coltura e le zone di incipiente industrializzazione o aree minerarie. Oggi l’ambizione in Italia è di crescere in Europa con la Città Ideale, un continuo rinascimento che può dare un segno chiaro e forte di speranza per l’avvenire.

Raffaele Panico

 “Pomezia Cresce” come “Torvaianica Cresce” con i progetti presentati dal Comune arriva un finanziamento di 30 milioni di euro. Il Sindaco: “Il finanziamento più grande di sempre per la nostra Città: Pomezia e Torvaianica cambiano volto”.

Il Comune di Pomezia ottiene il finanziamento dal Programma nazionale della Qualità dell’abitare (PinQua) del Ministero per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili (Mims) per i due progetti presentati: “Pomezia Cresce” e “Torvaianica Cresce”, del valore di 15 milioni di euro ciascuno.

“Una notizia bellissima per Pomezia e Torvaianica – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – Entrambi i nostri progetti sono stati selezionati e saranno quindi finanziati: 30 milioni di euro per nuovi alloggi popolari, nuove scuole e spazi culturali e ricreativi, nuovi percorsi ciclabili e pedonali, per il completamento totale del teatro (ex consorzio agrario), per la riqualificazione di piazza Aldo Moro e di tutto il lungomare delle Sirene, per l’implementazione di sistemi di videosorveglianza. Il finanziamento più grande di sempre per la nostra Città, che ci rende orgogliosi della progettualità e della visione orientata al futuro che l’Amministrazione sta portando avanti: ringrazio gli Uffici tecnici e gli Assessori Federica Castagnacci e Giuseppe Raspa per il loro lavoro. Nei prossimi mesi coinvolgeremo direttamente la cittadinanza in un processo di progettazione partecipato”.

PROGETTI

Pomezia Cresce – 15 milioni

Pacchetto di interventi per la riqualificazione del tessuto abitativo in zona 167. Il progetto prevede:

  • la ristrutturazione degli edifici di edilizia residenziale popolare di proprietà comunale attraverso il completamento dell’efficientamento energetico degli immobili di piazza Aldo Moro;
  • la realizzazione di nuove strutture dedicate a servizi culturali, sportivi e di incontro attraverso il completamento del teatro comunale, il recupero urbano dello spazio pedonale di piazza Aldo Moro e la realizzazione di uno skate park;
  • il miglioramento della viabilità e accessibilità all’area attraverso la realizzazione di 3 nuovi km di pista ciclabile, la riqualificazione di circa 4.400 mq di marciapiedi esistenti e l’abbattimento delle barriere architettoniche;
  • l’aumento del grado di sicurezza percepita e reale grazie all’installazione di 25 nuovi punti di videosorveglianza e 12 nuovi punti di illuminazione da dislocare lungo i nuovi tratti di pista ciclo-pedonale.

Torvaianica Cresce – 15 milioni

Pacchetto di interventi per la riqualificazione del tessuto abitativo in zona Torvaianica Nord. Il progetto prevede:

  • la demolizione e la ricostruzione del rudere “centro Elisabetta”, che consentirà di realizzare 18 nuovi appartamenti destinati all’emergenza abitativa e una serie di spazi essenziali per l’integrazione sociale. Tra questi: una nuova scuola – prioritariamente destinata al nido o all’infanzia – una sala ricreativa di 148 mq e un’area verde di quasi 3mila mq;
  • il miglioramento delle infrastrutture del quartiere attraverso la realizzazione di nuovi marciapiedi o il rifacimento dei tratti esistenti, l’abbattimento delle barriere architettoniche, la realizzazione di due nuovi ponti su via Rumenia – in concomitanza dell’intersezione coi fossi Crocetta e di Pratica di Mare al fine di completare l’asse di viabilità che corre parallelamente al Lungomare delle Sirene;
  • l’incremento del grado di sicurezza, percepita e reale, attraverso l’installazione di 150 nuovi impianti di videosorveglianza, da dislocare lungo il tratto di litoranea oggetto di riqualificazione o realizzazione di nuovi percorsi pedonali, con sistemazione o nuova installazione degli impianti di pubblica illuminazione.