Home NOTIZIE Pomezia, restituire piena accessibilità e sicurezza a piazza Indipendenza e largo Catone

Pomezia, restituire piena accessibilità e sicurezza a piazza Indipendenza e largo Catone

Pomezia, piazza Indipendenza e largo Catone, parte il progetto di abbattimento delle barriere architettoniche

Partiranno tra circa tre mesi i lavori di abbattimento delle barriere architettoniche degli spazi pedonali di piazza Indipendenza e largo Catone, finanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico per un valore di circa 340mila euro.Il progetto prevede: la sostituzione della pavimentazione e nuova illuminazione dell’area di largo Catone; il rifacimento delle parti maggiormente degradate della pavimentazione di piazza Indipendenza; la realizzazione di attraversamento pedonale rialzato atto all’uso agevole per i disabili anche con sedia a ruote e conseguente moderazione della velocità veicolare su via Roma; e la realizzazione di percorsi tattili per ipovedenti integrati nella pavimentazione che permettono la fruizione della piazza al fine di consentirne l’accessibilità.

                             

Si tratta di interventi necessari per restituire piena accessibilità e sicurezza a piazza Indipendenza e largo Catone – spiega l’Assessore Giuseppe Raspa. Nel centro aulico di Pomezia non sono stati mai eseguiti interventi atti rendere la piazza fruibile ad ogni categoria di utenti e la pavimentazione risulta in molte parti fratturata e disconnessa, se non completamente compromessa come in largo Catone”.

Aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà: “Questo progetto ci consentirà di mettere in sicurezza una delle aree più frequentate della nostra Città. Il centro aulico di Pomezia è a tutti gli effetti un Museo a cielo aperto, impreziosito dall’opera di Iacurci che illumina la biblioteca comunale: gli interventi in programma restituiranno una piazza rinnovata e aperta a tutti, rendendo più accessibile anche la biblioteca Ugo Tognazzi che ha già postazioni dedicate ai disabili e un catalogo di testi in braille e audiolibri per ipovedenti”.