Home NOTIZIE CULTURA E SPETTACOLO Sanremo 2021: Negramaro ed Alessandra Amoroso sono i primi ‘ospitini’ del Festival...

Sanremo 2021: Negramaro ed Alessandra Amoroso sono i primi ‘ospitini’ del Festival dello spritz

Premesse le abbondanti polemiche (salvifiche per un evento che storicamente vive di questo) che hanno animato l’aspetto ‘pulsante’ del Festival di Sanremo – pubblico sì, pubblico no – ormai il pasticciaccio è fatto, ed ora urge catalizzare l’attenzione generale sull’offerta artistica di una manifestazione che, approfittando del ‘coprifuoco’, quest’anno ‘azzarda’ regalando ampio – decisamente troppo – spazio alle nuove tendenze musicali.

Dunque fra Rap, Trap, Indy ed illustri sconosciuti (che ne fanno il Festival dello spritz!), in questa edizione fatica a trovare la sua naturale predisposizione ‘il bel canto’, così come il classico pop italico. Insomma un’edizione abbastanza ‘complicata’ che, visti anche gli evidenti deficit economici, non può nemmeno puntare sui Big d’oltralpe, tante è che al momento l’unico nome di rilievo – ma ‘inutile’ – è quello della ex modella (pensionata) Naomi Campbell!

Sanremo 2021, ecco i primi ‘ospitini’: i Negramaro ed Alessandra Amoroso

Quindi l’unica alternativa percorribile, per il già ‘iper-stressato’ direttore artistico, è quello di dover inventare – rimediare – andando a pescare nell’acquario di casa.

Così oggi, nella conferenza stampa di ‘avvicinamento’ al Festival (che inizierà il 2 marzo), mascherando lo sconforto, Amadeus ha annunciato i primi ‘ospitini’: i Negramaro ed Alessandra Amoroso. Ma non solo, scatenando i dovuti scongiuri dell’interessata, il conduttore ha anche anticipato che, nella serata finale,  andrà in scena un “grande omaggio ad Ornella Vanoni il sabato sera”.

Sanremo 2021: dopo la ‘pensionata’ Naomi, Amadeus pensa all’infermiera simbolo

Quindi ‘poca roba’, senza contare che, anche per quel riguarda la classica co-conduttrice serale, Naomi a parte, al momento sono stati resi noti soltanto i nomi di Matilde De Angelis ed Elodie. Giusto ‘Ibra’ messo lì, con la speranza che dia qualche ‘testata’ allo sventurato di turno! Insomma, ormai la frittata è fatta e, come ha confermato il direttore artistico “Probabilmente ci sarà una predominanza italiana per ovvi motivi. E posso fare solamente i nomi di quelli contrattualmente chiusi”. A questo punto ‘tutto è buono’, tanto è, aggiunge Amadeus, che “Sto pensando di portare sul palco Alessia Bonari (l’infermiera fotografato ‘sfranta’ dai turni massacranti nella prima ondata della pandemia, e con il volto segnato dalla mascherina,ndr), Speriamo che possa e voglia essere con noi, perché mi piacerebbe che raccontasse la sua storia”.

Sanremo 2021: troppe ovvietà e pochissima qualità. Grande lavoro per Fiorello

Eppure l’occasione sarebbe stata opportuna per andare ad omaggiare ciò che poi rende la manifestazione unica: la musica italiana. Chissà, forse anche una sorta di ‘retrospettiva’ dedicata ai cantautori storici (Guccini, De Gregori, Finardi, ecc), od ‘eccellenze’ come Paolo Conte, avrebbero rappresentato un’interessante e stimolante alternativa. C’è moltissimo ma poi, stringendo, non c’è nulla. Stranamente, vista la straordinaria ‘banalità’ che caratterizza oggi la televisione, al momento mancano all’appello Andrea Delogu e Marco Giallini.

Alla fine, tanto per cambiare, la ‘croce’ se la dovrà ‘incollare’ il generoso Fiorello…

Max