Home NOTIZIE ATTUALITÀ Ritorna la chiusura delle Ztl, per i commercianti del centro la “mazzata”...

Ritorna la chiusura delle Ztl, per i commercianti del centro la “mazzata” finale

Piove sul bagnato per i commercianti di Roma. Come da programma, è arrivata la chiusura dei varchi della ZTL: dal 15 gennaio, infatti, è terminato il periodo di concessione che era iniziato due mesi fa, per sostenere il settore e favorire gli spostamenti dei romani.

Passata la data prevista, dal Campidoglio tutto tace, e quindi chi si aspettava un’ulteriore proroga è rimasto deluso. La crisi del commercio, però, è perdurante e la questione delle zone a traffico limitato era stata sollevata anche da Confcommercio Roma“La decisione del Campidoglio lascia in panne i negozi del Centro”, aveva ammonito il commissario Pier Andrea Chevallard.

Dopo il passaggio della Regione alla zona arancione, la chiusura dei varchi è stata percepita da tanti commercianti come la proverbiale mazzata finale. Una vera tragedia economica che è sotto gli occhi di tutti. Basta fare, per la verità, due passi su via Nazionale per rendersi conto della gravità della situazione. Sono 28 le attività che dall’inizio della pandemia hanno abbassato per sempre la saracinesca: negozi storici, veri riferimenti per i romani.

Una zona che adesso soffre il culmine dell’isolamento, dopo anni segnati da i lavori sul manto stradale che hanno impedito la circolazione degli autobus, e dalle lunghe chiusure delle fermate della metro A come Barberini, Repubblica, e Spagna. Situazioni nelle quali, per la verità, il Covid c’entrava ben poco.