Home NOTIZIE ATTUALITÀ Caso Cucchi, processo d’appello: il pg ha chiesto 13 anni per i...

Caso Cucchi, processo d’appello: il pg ha chiesto 13 anni per i carabinieri D’Alessandro e Di Bernardo

ILARIA CUCCHI, FABIO ANSELMO, SULLO SFONDO IL PAPA' GIOVANNI , STEFANO CUCCHI

Tredici anni di carcere per omicidio preterintenzionale, con l’esclusione delle attenuanti generiche. È quanto richiesto nel processo in Corte d’Assise d’Appello, a Roma, dal procuratore generale Roberto Cavallone nei confronti di Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, i due carabinieri accusati del pestaggio e dell’omicidio di Stefano Cucchi. Il 31enne romano era stato arrestato il 15 ottobre 2009 e morto sette giorni dopo all’ospedale Sandro Pertini. In primo grado i due carabinieri erano stati condannati a dodici anni.

“Lo hanno massacrato di botte”, ha detto Cavallone nella requisitoria. “In questa storia abbiamo perso tutti – ha proseguito – Quel giorno Cucchi doveva andare in ospedale e non in carcere. Credo che nel nostro lavoro serva più attenzione alle persone piuttosto che alle carte che abbiamo davanti. Dietro le carte c’è la vita della persone”.

Cavallone ha sollecitato inoltre una condanna a quattro anni e sei mesi per il maresciallo Roberto Mandolini, comandante interinale della stazione Appia 3, accusato per falso. Per Francesco Tedesco, il teste che con le sue dichiarazione ha fatto luce sul pestaggio su Cucchi la notte del suo arresto, è stata invece chiesta l’assoluzione.